Le mie impressioni su Brave dopo cinque mesi di utilizzo

Utilizzo Brave sia a casa (PC e cellulare) che al lavoro ormai da cinque mesi, quindi ho pensato di scrivere una breve recensione.

La mia esperienza finora è davvero molto positiva, nessun Browser prima d’ora era riuscito a staccarmi da Firefox, che tra l’altro negli ultimi anni è migliorato moltissimo!

Prima di cominciare con la “recensione” partiamo con qualche cenno sulla mission e sul team di talento che porta avanti il progetto.

L’obiettivo di brave è descritto benissimo sulla pagina principale:

Brave is on a mission to fix the web by giving users a safer, faster and better browsing experience while growing support for content creators through a new attention-based ecosystem of rewards.

Un web più sicuro per gli utenti con un supporto per i creatori di contenuti. Bello!

Il team invece è composto da alcune star della Silicon Valley:

  • Brendan Eich: Chief architect sia alla Mozilla che a Netscape. Amministratore delegato come ultima posizione in Mozilla.
  • Brian Bondy: Ingegnere del software senior alla Mozilla e poi Software Developer Lead (suona davvero bene) presso Khan Academy, una organizzazione no profit.​
  • Yan Zhu: Team sicurezza presso Yahoo! Membro del “W3C Technical Advisory Group”. Certbot vi dice qualcosa?
  • Ben Livshits: ingegnere del software presso Netscape e Yahoo!, infine in Microsoft. Per un periodo anche ricercatore.
  • Holli Bohren: ha un’esperienza ventennale nel campo della finanza e delle operazioni esecutive. Ha lavorato per un sacco di compagine degne di nota, ad esempio Teachscape e BiteSize Networks.
  • Johnny Ryan: giornalista e Chief Innovation Officer (questo è ancora più bello) presso The Irish Times. Infine esperto in GDPR in quanto Head of Ecosystem presso PageFair.

Insomma… un team con le palle quadrate!

Contro

Partiamo con i contro, ho meno cose da dire:

  • Rispetto a Firefox ritengo la modalità lettura, che in Brave si chiama Pagina Distill, sia ancora migliorabile. Inoltre non mi dispiacerebbe un pulsante direttamente integrato nella barra degli indirizzi.
  • La sincronizzazione dei preferiti con finestre multiple ogni tanto perde qualche pezzo per strada. Con tre finestre con molta facilità perde i preferiti salvati in una delle tre sessioni (verificato solo con Brave beta).
  • L’integrazione con Pocket mi manca davvero tanto :-(

Pro

I pro sono innumerevoli, alcuni sono davvero piccolezze, ma anche nel mio ambito lavorativo fanno la differenza su otto ore di lavoro:

  • Ottimo blocco delle pubblicità. Non ne passa una.
  • I tempi di caricamento sono davvero eccezionali. Questo è collegato al punto precedente: bloccando le pubblicità infatti si risparmiano dati da caricare, e da una connessione dati mobile questo è molto apprezzato!
  • Di default è attivo un meccanismo per il passaggio in HTTPS ove supportato. Questo è quello che sugli altri browser viene fatto con l’estensione HTTPS Everywhere. Sembra una piccolezza, ma meglio evitare la compilazione di form (magari di login) su una connessione in chiaro.
  • Blocco tracker cross site: in soldoni quelle pubblicità che vi si attaccano alle palle e vi corrono dietro per tutto il web.
  • Hanno un programma per content creator che permette di guadagnare come publisher sia tramite siti/blog, che con Youtube e Twitch. Personalmente ho provato a registrarmi come publisher da qualche mese, posso dire che effettivamente qualcosina ho guadagnato. Scriverò meglio di questa cosa in un prossimo articolo.
  • Permette agli utenti di guadagnare con la visualizzazione di ADS non invasivi e rispettosi della privacy (per ora non sono ancora disponibili in Italia, ma spero lo saranno presto).

Verdetto

Il mio passaggio da Firefox e stato totalmente indolore, ci ho messo un paio di giorni ad abituarmi, non mi aspettavo che sarebbe stato così facile! Per chi proviene da Chrome il passaggio dovrebbe essere molto meno traumatico.

La qualità del software migliora di giorno in giorno, certo con qualche piccolo inciampo, ma non è facile fare un browser in grado di battere i due grandi player del settore.

Anche se non siete interessati ad aspetti tecnici, vi consiglio di scaricarlo poiché rispetto ai competitor ha attive di default una serie di tecnologie che, secondo me, vi renderanno la vita migliore.

Brave è in missione per cercare di rendere il WEB un pochino migliore; io scommetto che la strada intrapresa è quella giusta!

Fatemi sapere se lo avete provato e come vi trovate!

Grazie!

Il tuo commmento è stato inviato con successo. Comparirà nella pagina a breve! OK

Oh perbacco!

Si è verificato un errore. Impossibile inviare il commento. Perfavore riprova più tardi OK

Lascia un commento