Chiuso in casa - Episodio #8

Salve a tutti. Oggi si riparte con la puntata numero otto dopo un paio di giorni di pausa.
Buona lettura!

Canzone del giorno

Musical Death (A Dirge), Testament

Oggi vi porto una canzone solo strumentale. Il brano è del 1988 e fa parte dell’album The new order.

Citazione del giorno

Sabato ci eravamo lasciati con i barbari della Breve storia dell’ubriachezza; oggi non ci sposteremo molto geograficamente e temporalmente: vedremo come si viveva all’interno dei primi monasteri.

Con i barbari che razziavano mezza Europa, il monastero era uno dei posti più sicuri in cui ti potevi trovare:

  • Erano solitamente lontani dai grandi centri urbani dell’epoca, perciò facevano meno gola
  • Buona parte dei barbari era già ufficiosamente cristiana
  • Avevi la tua razione quotidiana di alcool

La regola di San Benedetto1 parlava chiaro:

[…] Tuttavia, considerando le difficoltà dei più deboli, crediamo sia sufficiente una emina di vino al giorno. I fratelli, però, che per dono di Dio, riescono ad astenersene, sappiamo che ne riceveranno una particolare ricompensa.

Ma quant’era una “emina”2 di vino? All’incirca a 750 ml di prodotto. Una discreta quantità, ma non abbastanza per i nostri ebbri antenati.
San Benedetto, che ne sapeva una più del diavolo, aveva già previsto che se uno aveva particolarmente sete, o se per esempio faceva particolarmente caldo, i monaci avrebbero dovuto “dissetarsi” opportunamente 😉.
Rimaneva comunque valido il divieto/invito a non esagerare; c’erano comunque punizioni per chi veniva sgamato a vomitare la cena di Natale dell’anno precedente3.

Comunque, tutta questa introduzione per dirvi due cose:

  • La prima è che quella sopra non era la citazione del giorno 😘
  • La seconda è che ci viene da chiederci perchè schifassero così tanto l’acqua visto che comunque dovevano rimanere “sobri”, almeno all’apparenza.

E qui si arriva al nocciolo della questione: l’acqua non era molto potabile. Potevi bere anche un Alien per quel che ne sapevi, e questo non era auspicabile se dovevi evitare un’apocalisse.

La cosa è ugualmente vera anche andando più a nord, in Inghilterra:

L’approccio anglossassone standard alla questione è riassunto in un detto di Abbot Aelfric: «Birra se ce n’è, acqua se la birra non c’è».
Il vino, prosegue Aelfric malinconicamente, era davvero troppo caro per il monaco inglese medio. Di contro, la razione standard di birra era solo un gallone al giorno (di più nei giorni festivi). I monaci anglosassioni si sbronzavano alla pari dei loro cugini italiani.

Anche per oggi abbiamo concluso la nostra fantastica avventura. Ricordatevi la cosa importante: «Birra se ce n’è, acqua se la birra non c’è» 😂😂.

Se la gradazione alcolica di questo episodio vi è piaciuta, lasciate un commento qua sotto 👇, o ascoltate la playlist su Spotify.


  1. http://win.ocist.org/pdf/IT_RB_Decl.pdf ↩︎

  2. In realtà se cercate il termine troverete che veniva usato per misurare la quantità di grano e come unità di pagamento per i braccianti. ↩︎

  3. Nota per me: il Natale c’era già❓ ↩︎

L'articolo ti è piaciuto?

L'articolo ti è piaciuto o ti ha risparmiato un pomeriggio di ricerche nei meandri di Internet? Se è così allora mi puoi supportare offrendomi uno o due caffè con il pulsante qui sotto oppure condivere l'articolo.
La divinità dei computer, che tutto vede e tutto sa, saprà certamente ricompensare questa buona azione!

Grazie!

Il tuo commmento è stato inviato con successo. Comparirà nella pagina a breve! OK

Oh perbacco!

Si è verificato un errore. Impossibile inviare il commento. Perfavore riprova più tardi OK

Lascia un commento